Classic Blue, elegante nella sua semplicità

Sfumatura di blu intramontabile e senza tempo, PANTONE 19-4052 Classic Blue è elegante nella sua semplicità.

Un blu riposante, che porta un senso di pace e tranquillità.

Classic blue crea un bel contrasto con il bianco e le tinte neutre e che non spegne la luce naturale. Si accosta perfettamente al legno, al velluto.

Un colore dal grande carattere che renderà i vostri ambienti unici.

Una tinta che promette rassicurazioni e protezione ma al contempo evoca il blu sconfinato della vastità del cielo e del mare.

classic blue
Il lavabo Depth di LAGO, nasce dalla sottrazione di volume da una mensola di 8 cm di spessore. Depth è un lavabo dal design sorprendente che gioca con il senso del vuoto e della profondità grazie al fondo inclinato in vetro trasparente.

Ci sono diversi modi per integrare Classic Blue nell’arredamento. Trattandosi di un colore piuttosto scuro, va usato con attenzione. Entra indistintamente in ogni ambiente della casa, dal soggiorno alla camera da letto, dallo studio al bagno, luogo quest’ultimo peraltro dove già da tempo è protagonista.

classic blueRivestimenti e finiture blu possono così contraddistinguere arredi, complementi e oggetti diversi: imbottiti, radiatori, carte da parati, collezioni tessili… Una sinfonia cromatica che sicuramente non passerà mai di moda, portando al contrario sempre un tocco di modernità a un arredamento in stile classico o sottolineando la contemporaneità di composizioni minimaliste.

Ma in che modo lo possiamo riproporre ad esempio, in camera da letto? Il blu è un colore che inneggia alla calma interiore, e che per questo è una scelta spesso per la camera da letto, anche nell’effetto scatola, ovvero con tutte le pareti in blu, per rendere la zona notte un vero rifugio.

classic blueMa le combinazioni di questo colore sono tante: in cucina col legno, ad esempio, ma anche abbinato al grigio. Il blu si pone come sostituzione morbida rispetto al nero e al bianco e nero scandinavo, per trovare una gradazione intensa ma dotata di più respiro e profondità.

Un’idea per inserire questo colore tra le mura domestiche con naturalità, è quello di avvalersi di questo colore per ravvivare gli ambienti attraverso dei dettagli: può essere la tappezzeria di un divano, un tappeto, un cuscino o un piccolo arredo capace di catalizzare l’attenzione senza appesantire la stanza.

Soffitto: che colore scegliere per il soffitto di ogni stanza

Occhio al soffitto: se siete stufi del solito bianco e volete osare con qualche idea originale per dare un tocco personale ai soffitti della vostra casa basterà un tocco di colore, o della carta da parati, e la vostra fantasia.

soffittoLe regole per tinteggiare il soffitto di casa, sono queste:
• se viene dipinto con colori chiari si amplia visivamente l’altezza del soffitto;
• mentre se si usa un colore scuro si ha l’effetto opposto.

Quindi se abitate in una casa con i soffitti alti meno di tre metri vi sconsiglio di usare tinte o fantasie troppo scure a meno che, il locale in questione non sia particolarmente piccolo.
In alcuni casi infatti, quando ad esempio si parla di un corridoio, un bagno, o comunque una stanza dalla classica forma rettangolare, un po’ stretta e lunga, la soluzione per ridimensionare le proporzioni, è quella di ribassare il soffitto.
Se, nonostante tutte queste premesse, siete stufi del solito bianco e volete osare con qualche idea originale per dare un tocco personale ai soffitti della vostra casa basterà un tocco di colore, o della carta da parati, e la vostra fantasia.
Se non sapete che colore scegliere per il soffitto di ogni stanza, prendete spunto dalle immagini, pensate al carattere che volete dare alla stanza (classico, sbarazzino, caldo, minimal ecc.) e poi … lasciatevi andare!

Un’idea senzaltro originale è quella di utilizzare della carta da parati, magari una fantasia floreale, delle righe o dei disegni geometrici. Soluzione allegra e solare, ideale per la camera dei ragazzi! soffittoSe invece non avete paura di osare, proseguite sul soffitto con lo stesso rivestimento delle pareti ed otterrete sicuramente un effetto “wow”! Ci sono alcuni aspetti da tener conto, se decidete di applicare una carta da parati a pareti e soffitto. Bisogna tener conto dell’arredamento della stanza, degli oggetti, dalle dimensioni. Osservate la stanza; ci sono dei colori che ricorrono più spesso, o c’è un colore predominante? Cercate di scegliere una carta da parati che richiami quel colore. Per non sbagliare, optate per fantasie piccole, tono su tono, in modo da valorizzare l’ambiente senza rischiare di creare un effetto claustrofobico.

Decorare-le-pareti-con-gli-stencil-rosone-dorato-sul-soffitto-per-impreziosire-un-lampadario-importante
Un’altra idea originale per decorare il soffitto è applicare degli stencil. Ecco come un rosone dorato, può impreziosire un lampadario importante in un ambiente classico.

 

PANTONE: la fabbrica del colore.

E anche questa volta PANTONE ha studiato delle palette complete, per creare gli abbinamenti giusti. Il report stilato dall’autorità del colore, ha decretato ben 9 tipologie di sfumature e accostamenti assolutamente da copiare.

PANTONE = COLORE

Il sistema Pantone è stato messo a punto negli anni cinquanta per poter classificare i colori e “tradurli” nel sistema di stampa a quadricromia (ciano, magenta, giallo e nero) semplicemente grazie a un codice. I colori, coi relativi codici, sono quindi inseriti in un catalogo, denominato in italiano “mazzetta” o “tirella”, dove è possibile “sfogliarli” e selezionarli. 3-palette-pantone

In Italia il nome “pantone” (spesso plurale pantoni) si riferisce ad un particolare tipo di pennarelli professionali, dell’azienda inglese Letraset. E qui scatta il ricordo! Per quelli del settore, datati quanto me (1965!), i pantoni, all’epoca dei miei esordi come disegnatrice, erano con un’unica punta a scalpello.  A seconda del tratto da colorare, ruotavi il pennarello per tracciare linee più o meno sottili. Si disegnava ancora a mano, sul tecnigrafo, sui fogli di lucido e poi si coloravano le eliocopie. Si coloravano piante, prospetti, prospettive, tutto! Tutto e rigorosamente a mano! Niente computer! Nessuna tecnologia, solo tanta fantasia e manualità! ALTRI TEMPI !letraset-pantone-marker

Ma scusate la digressione!

Ogni anno, a partire dal 2000, Pantone sceglie un colore come rappresentativo dell’anno stesso. Dopo  Emerald Green (2013), Radiant Orchid (2014), quest’anno è la volta di Marsala, ovvero PANTONE 18-1438.mainimage

Marsala è il colore base Pantone per la palette Primavera / Estate 2015. Colore interessante se usato da solo e crea un meraviglioso contrasto con altre tonalità. Tono robusto, incarna il calore e la ricchezza, rimanendo ben radicato a terra con le sue sofisticate radici rosso-marrone.pantone-color-report-spring-20151

 

 

 

 

 

 

 

 

E anche questa volta PANTONE ha studiato delle palette complete, per creare gli abbinamenti giusti. Il report stilato dall’autorità del colore, ha decretato ben 9 tipologie di sfumature e accostamenti assolutamente da copiare. Tra i grandi protagonisti del 2015 spunta il rosa e le sue declinazioni dal confetto al salmone fino a diventare ciclamino e poi viola. Non mancano le tinte più pallide e sobrie ma ci sono anche dei verdi e delle sfumature di azzurro.fce6523b520b6b064a0428c9a9eeb1aa e65e2ae9a890ec592c49f7c16e6b7aaf295fd4d93ad280b693b998e6b333009a